logo Santa Lucia
santalucia4.png
santalucia2.png
facebook icon
6. L’attuale basilica

Secondo Fra Giacinto Farina, fu iniziata nel 1712 e terminata di fabbricare nel 1738, come si leggeva un tempo nello stipite della porta. Nel 1904 Fra Serafino Basile da Palazzolo provvide a restaurare la Chiesa e il romitorio. Nel settembre 1933 fu eretta a parrocchia rurale.

chiesa

Nel 1968 la chiesa fu oggetto di rimaneggiamenti discutibili che le diedero un aspetto moderno assolutamente contrastante con quello sobrio e semplice che possedeva prima. La chiesa un tempo aveva le pareti tutte adorne di “ex voto”, oggi scomparsi. Possedeva tre altari: uno centrale dove si venerava e si venera tutt’oggi il Crocefisso, in quelli laterali si venerava S. Corrado e S. Lucia di Mendola. 

Oggi offre tutti i servizi di una normale parrocchia con il valore aggiunto della sobrietà, autenticità e suggestività del luogo.

Attuale basilica

 Il luogo in oggetto presenta un enorme potenziale di attrazione turistica, infatti, attuando un’adeguata politica finalizzata alla valorizzazione del territorio, indubbiamente potrebbe nascere e incrementarsi il turismo:
  1. Archeologico: per l’illustre complesso monumentale
  2. Speleologico: per l’imponente complesso ipogeico
  3. Religioso: per il culto originale, unico al mondo, a S. Lucia di Mendola e per  il centro religioso costituito dalla parrocchia e dalle attività da essa promosse
  4. Ambientalistico: soprattutto per la monumentalità dei lecci secolari di Mendola
  5. Naturalistico: per la ricca e preziosa fauna selvatica
  6. Paesaggistico: per la bellezza e la suggestività del paesaggio
  7. Storico-culturale: per l’illustre storia che costituisce l’identità bimillenaria di questo luogo.

Il centro paleocristiano di S. Lucia di Mendola è degno di un intervento di salvaguardia e di valorizzazione, per un recupero di questa viva testimonianza della fede dei padri. La speranza è che si riesca a riportare all’antico splendore questo gioiello, custodito in un territorio compreso fra due città UNESCO, Palazzolo Acreide e Noto, per essere ammirato da visitatori provenienti da tutto il mondo e fruito nel migliore dei modi.