logo Santa Lucia
santalucia4.png
santalucia2.png
facebook icon

3. L’abbazia ruggeriana-normanna del 1103

abbaziaSorta per volere del gran Conte Ruggero, consacrata dal vescovo normanno di Siracusa, Guglielmo, è la più antica basilica benedettina e la più illustre fra tutte le chiese dell’ordine benedettino in Sicilia. Dal 1090 al 1700 S. Lucia e i suoi connessi beni feudali, lungo il corso di b
en otto secoli, andò soggetta a svariati trapassi di possesso, feudatari, dinastie, signorie, baronie e marchesi vari quali i Ruggieri, Tancredi, Ruffo, Valguarnera etc… 

I Signori e i Baroni ecclesiastici del Feudo e del Castello di S. Lucia sedevano tra i 61 prelati del parlamento generale del Regno di Sicilia (1103-1693); godevano del diritto di giurisdizione propria e del diritto quasi regale e quasi di sovrani di un “regnum in regno” di “batter moneta”, di coniare monete. Infatti sono state ivi raccolte innumerevoli monete, in grandissima prevalenza romane imperiali da Costantino in giù, bizantine, arabe e normanne. Il terremoto del 1693 rase al suolo quasi tutto, lasciando solo ciò che è ancora visibile.